Africa occidentale: ecco i principali tessuti

Una guida dei principali tessuti africani dell’Africa occidentale. Un elenco di ben 15 stoffe!

L’Africa occidentale

Africa occidentale

L’Africa occidentale si estende verso sud dalla Mauritania alla Liberia e poi verso est da capo verde fino al confine nigeriano con il Camerun, per molti aspetti è considerata il terreno più fertile della produzione tessile africana.

L’intera regione è stata fortemente influenzata dalle due “grandi” religioni, l’Islam e il cristianesimo.

Dall’XI secolo in poi, l’Islam è stato adottato attraverso i commercianti delle rotte delle carovane dal Nord Africa, spesso per motivi pratici che hanno facilitato il commercio.

L’introduzione dell’Islam, con i suoi requisiti per la modestia maschile e, in particolare, femminile, ha generato un vasto mercato di tessuti di cotone.

Le ampie camicie, pantaloni e copricapo, normale abbigliamento musulmano di influenza mediorientale, erano indossati non solo dagli uomini che si convertivano all’Islam, ma anche dai non convertiti che desideravano emulare il prestigio della comunità musulmana, che semplicemente adottava il proprio abbigliamento, ma non per necessità la loro religione.

Le donne si conformarono presto alle restrizioni della nuova religione e adottarono una gamma di involucri voluminosi.

Il cristianesimo, invece, sbarcò nel 1450 nei distretti costieri di Capo Verde e Gambia. Aveva esigenze simili di modestia, ma, poiché la religione arrivò relativamente più tardi, non ebbe lo stesso impatto dell’Islam.

In conclusione furono proprio i requisiti delle due religioni a stimolare maggiormente la produzione locale, soprattutto di tessuti a strisce.

Tessitura a strisce

Se la tessitura a strisce sia un adattamento di una tecnica che ha attraversato il Sahara o è originaria dell’Africa occidentale è ancora una questione di speculazione, anche se le prove provenienti dalle grotte della scarpata Badiangra in Mali suggeriscono che era praticata in Africa occidentale già nell’XI secolo.

Strisce strette da 2,5 cm a 45,70 cm di larghezza che vengono  cucite insieme, striscia per striscia, da uomini in tutta la regione per realizzare capi da uomo e donna.

Il popolo Ewe, situato nel sud-est del Ghana e del Togo, e anche quello Yoruba della Nigeria sono tra i più abili tessitori a strisce dell’Africa intera.

Tecniche di tintura.

La tintura indaco è uno dei principali mezzi per colorare i tessuti nell’Africa occidentale. La popolarità della tonalità blu intenso è stimata dal fiume Senegal fino al confine con il Camerun. Lonchocarpus cyanescens è la pianta principale per la tintura indaco.

Di solito vengono utilizzate palline di foglie essiccate trattenute dal raccolto o acquisite attraverso il commercio per la tintura.

I tessuti e gli indumenti tinti di indaco sono ancora molto popolari, sia tinti in indaco naturale o sintetico. Tuttavia, è un tessuto intrecciato, fabbricato localmente o importato, che fornisce la maggior parte dell’usura quotidiana.

Tecniche di resistenza

In questa regione risiedono gran parte delle più antiche tecniche di resistenza utilizzate per decorare la superficie dei tessuti:

  • legare e tingere
  • cucire e piegare
  • resistenza con cera (batik)
  • resistenza con amido
Tessuti principali 

Il cotone è il tessuto principale, sebbene in un passato non troppo lontano la rafia (le foglie essiccate della palma rafia) fosse ampiamente utilizzata. Mentre la seta selvatica non tinta viene utilizzata sia per il ricamo che per la tessitura.

Preservare la tradizione africana

Due fattori aiutano a preservare la tradizione africana della produzione artigianale di tessuti.

  • primo, i tessuti tradizionali sono ancora considerati essenziali per le cerimonie di cambio di vita in generale e per i funerali in particolare.
  • secondo, tessuti come il fango bogolanfini del Mali sono diventati di moda in Occidente, il che a sua volta influenza l’élite urbana locale.

Tessitori, tintori e ricamatori africani continueranno a produrre tessuti pregiati fino a quando esisterà un mercato locale per loro. Speriamo che i tessuti richiesti per le cerimonie tradizionali continueranno a mantenere occupati i produttori tessili per molti altri anni.

Ecco i principali tessuti dell’Africa occidentale

Bogolan

Bogolan Africa occidentale

È un tessuto di cotone significa “fatto di fango” in Bambara, la lingua principale del Mali. I tessuti Bogolan sono prodotti principalmente in Guinea, Mali, Burkina Faso e nella Costa d’Avorio nord occidentale.

Korhogo

Khorogo Africa occidentale

Dalla Costa d’avorio questo tessuto è presumibilmente realizzato usando sterco o fango nella tintura fissativa. Proprio come un panno di fango, viene prodotto cucendo insieme strisce colorate a mano da 5 pollici (all’incirca 12 cm).

Kente

Kente Africa occidentale

Blu, rosso, verde, giallo e magenta sono i colori tradizionali di questa famosa stoffa realizzata dal popolo Ashanti Oggi la maggior parte delle stoffe kente sono di rayon ma la tecnica è rimasta la stessa: tessitura a strisce rigorosamente fatta a mano.

Adire

Adire Africa occidentale

È un tessuto prodotto originariamente dal popolo Yoruba in Nigeria. Adire significa legato e tinto, la tintura viene fatta con le foglie dell’albero Elu che conferiscono il caratteristico color indaco.

Kpokpo

Kpokpo

Dalla Sierra Leone e Liberia, i tessuti Kpokpo erano usati come arazzi cerimoniali e talvolta sono piuttosto grandi. Erano strisce tessute su telai a treppiede. Le strisce sono curvate e prevalentemente bianche, indaco e marrone.

Adinkra

Adinkra Africa occidentale

Un tessuto di cotone prodotto in Ghana e in Costa d’Avorio su cui sono impressi i tradizionali simboli Akan. I simboli africani noti come adinkra sono onnipresenti in Ghana, un bellissimo paese dell’Africa occidentale sull’Atlantico, situato tra la Costa d’Avorio e il Togo

Baoulé

Questo tessuto viene realizzato in Costa d’Avorio dal popolo Baoulé. È un tessuto tradizionale di cotone realizzato a mano, è simile al Kente solo che le sue linee sono verticali. Per secoli questo tessuto è stato indossato durante eventi speciali, atti tradizionali e feste.

Kilim Kerka

Non se ne producono più. L’ultimo risale agli anni ’70, è un tessuto formato da sei fasce a righe bianche e scure più un motivo. Si trattava di una coperta matrimoniale che apparteneva al popolo Peul del Mali.

Aso oke

Aso oke

È un tessuto incastonato a mano tessuto dal popolo Yoruba. Il mondo di fare il tessuto è rimasto lo stesso per secoli, tuttavia sono state studiate nuove tecniche e metodi di produzione per renderlo più accessibile per l’abbigliamento casual.

Wax

Ankara Wax

Il tessuto di cotone cerato è il tessuto più diffuso in tutta l’Africa. Con i suoi colori vivaci e il design audace è usato per confezionare abiti da donna e da uomo economici ed allegri.

Faso dan Fani

È un tessuto a strisce realizzato in Burkina Faso. Tutto iniziò quando il Capitano Thomas Sankara salì al potere a metà degli anni 80’. Sankara determinato a promuovere la produzione locale, impose ai suoi funzionari l’uso dei capi realizzati in Faso Dan Fani.

Manjack

Realizzato dagli omonimi tessitori del popolo Manjack che utilizzano ancora le tecniche che i loro antenati “rubarono” ai portoghesi quando furono deportati come schiavi nelle isole di Capo Verde nel XVI secolo.

Appliquè

Appliqué

L’arte di produrre questo tipo di tessuto fu sviluppata durante tutto il periodo storico del Regno Dahomey, fino al 1900. Oggigiorno la creazione di appliques è considerata una vera e propria arte e gli artigiani moderni tendono a utilizzare sia i disegni tradizionali che quelli contemporanei.

Bandiera Fante Asafo

Le bandiere sono realizzate in tessuto intrecciato, di solito cotone, occasionalmente seta e, oggigiorno, talvolta fibre sintetiche. Le figure utilizzate per illustrare il significato proverbiale della bandiera sono ritagliate a mano o con l’aiuto di un modello di carta.

Bazin

O damasco viene tinto a mano secondo la tecnica di “legatura e tintura” Per farlo brillare, viene poi immerso in una soluzione di amido ed successivamente essiccato.

Conclusioni

Grazie per aver letto questo articolo! Se hai bisogno di ulteriori informazioni ricordati che puoi sempre porre le domande qui nei commenti.

AfroXentric è un blog per persone pratiche, iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere altre informazioni utili o semplici curiosità sul continente africano.

2 commenti su “Africa occidentale: ecco i principali tessuti”

  1. Buongiorno
    Siamo produttori di tessuto BAZIN di alta qualità superiore al prodotto Getzner.
    Stiamo cercando una organizzazione per realizzare una rete di vendita in tutta l’Africa Occidentale.
    Nel caso foste interessati a questo progetto Vi preghiamo metterVi in contattro con noi.
    Grazie e cordiali saluti
    Aldo Prandoni – TIMAC – Via Andrea Costa 20 – Gallarate (Varese) Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.