Come fare l’impasto per il Banku

 

Il Banku è un piatto tipico della cucina ghanese, ma diffuso in molti Paesi dell’Africa occidentale, segui la ricetta per scoprire come preparare l’impasto.

La preparazione dell’impasto per il Banku richiede tempo e generalmente si divide in due fasi. Nella prima fase la manioca viene tritata, mescolata con chicchi di mais e messa a bagno per un giorno. Una volta scolata l’acqua, la manioca e il mais vengono macinati fino a diventare un impasto liscio, fine e umido.

La fase successiva del processo di preparazione è la fermentazione dell’impasto. Questo richiede da due a sette giorni a seconda delle temperature climatiche. Dopo la fermentazione, l’impasto di mais e di manioca viene mescolato all’interno di una casseruola profonda e conservato in luogo fresco.

Video della ricetta

Ecco una video-ricetta di Sweet Adjeley riguardo a come fare l’impasto per il Banku a casa. Sweet Adjeley è una chef, nel suo canale YouTube condivide le ricette dei piatti tipici della cucina ghanese.


Se sai l’inglese, ti basteranno poco più di 10 minuti per poter comprendere gli step necessari della ricetta di Sweet Adjeley. In ogni caso in questo articolo potrai trovare dosi, ingredienti e preparazione in italiano.

Ingredienti impasto Banku

  • 4.5 Kg di Farina di mais bianco
  • 680 g di Farina di mais
  • 2200 g di Manioca surgelata
  • Acqua q. b.

Materiale occorrente

  • Recipienti di varie dimensioni
  • Frullatore
  • Pellicola trasparente per alimenti

Tempo di preparazione

  • 5 – 7 giorni

Preparazione impasto Banku

  1. In una ciotola capiente versare entrambe le farina di mais mescolando con cura.
  2. Trasferire un terzo del composto in un’altra ciotola e aggiungere acqua a sufficienza fino a raggiungere la consistenza adatta, deve essere modellabile come la sabbia umida, non troppo rigido né troppo acquoso.
  3. Prendere un contenitore con coperchio capiente e trasferire il composto di acqua e farina di mais pressandolo con cura sul fondo in modo da eliminare le eventuali bolle d’aria.
  4. Ripetere i due passaggi precedenti fino a esaurire il composto e sigillare con pellicola alimentare facendo aderire all’impasto.
  5. Chiudere il contenitore e lasciare fermentare l’impasto per cinque/sette giorni.
  6. Prendere la manioca surgelata, scongelare e lasciare fermentare all’interno della confezione per cinque/sette giorni. È possibile utilizzare anche la manioca fresca, in questo caso si può procedere in due modi diversi: pulire e tagliare a pezzi la manioca e congelare per poi continuare la fermentazione all’interno della confezione oppure lasciare in ammollo nell’acqua a fermentare.
  7. Dopo la fermentazione, rimuovere il cordone centrale da ogni pezzo e sminuzzare la manioca.
  8. Inserire la manioca sminuzzata nel mixer con un goccio d’acqua in modo da facilitare l’azione del frullatore e ottenere una consistenza più cremosa.
  9. Prendere una ciotola e prepararsi alla fase finale: mischiare insieme il composto fermentato di farina di mais e la manioca frullata. Il rapporto solitamente è di 2:1, due parti di manioca e una di farina di mais. Aumentando la manioca diminuirà il tempo di cottura del Banku e risulterà più soffice.
  10. Infine conservare l’impasto del Banku in freezer all’interno di sacchetti gelo riutilizzabili da tirare fuori all’occorrenza.

Conclusioni

Grazie per aver letto l’articolo, condividilo se pensi ti sia stato utile, spero che alcune di queste informazioni ti potranno aiutare a replicare la ricetta facilmente.

AfroXentric è un blog per persone pratiche, iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere altre informazioni utili o semplici curiosità sul continente africano.

Vedi anche:
Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.