Cucina etiope: piatti e bevande tipici

Cucina etiope

La cucina etiope comprende piatti di carne e di verdure, spesso molto speziati. La maggior parte degli wat, gli stufati, sono serviti sopra un’injera, un pane a lievitazione naturale, fatto con farina di teff.  

La cucina etiope contiene anche molti piatti vegani poiché la Chiesa ortodossa etiope Tewahedo prescrive una serie di periodi di digiuno noti come tsom. I fedeli non possono consumare nessun tipo di prodotto animale (compresi latticini e uova) durante i digiuni.

Per tradizione ortodossa orientale, il periodo di astinenza include tutti i mercoledì e venerdì e l’intera stagione quaresimale (compresi quindici giorni al di fuori della Quaresima vera e propria). 

Piatti tipici

L’injera accompagnata da uno spezzatino di carne speziata, verdure e vari tipi di legumi, come le lenticchie è probabilmente uno dei piatti della cucina etiope più popolari.

Le cucine della regione del sud dell’Etiopia utilizzano il falso banano, la pianta Ensete, per preparare un cibo simile al pane chiamato kocho. Il kocho, proprio come l’injera, viene utilizzato per accompagnare i piatti tipici del popolo Gurage come il kitfo.

La radice della pianta ensete può essere polverizzata e preparata come bevanda calda chiamata bulla, che viene spesso somministrata a chi è stanco o malato.

Altre preparazioni tipiche dell’Etiopia sono il burro chiarificato e speziato (niter kebbeh) e la miscela di spezie berbere.

Kinche

Kinche (o Qinch’e ), è un porridge, una colazione o cena etiope molto comune. È molto semplice, poco costoso e nutriente. È fatto con grano spezzato, avena etiope, orzo o una miscela di questi. Si può cuocere sia nel latte che nell’acqua con un po’ di sale.

Genfo

Genfo è una specie di porridge, ed è un altro piatto comune per la colazione. Di solito viene servito in una grande ciotola con una buca ricavata al centro del genfo e riempita con il burro chiarificato speziato .

A colazione è comune anche una variante del ful, uno stufato di fave con condimenti, servito con involtini al forno invece dell’injera.

Fit-fit

Fit-fit è un piatto della cucina etiope molto comune per la colazione. È fatto con injera o kitcha sminuzzati saltati in padella con spezie o wat. Un altro cibo popolare per la colazione è la fatira. Si tratta di una grande frittella a base di farina e spesso uova che si mangia con il miele.

Chechebsa

Chechebsa (o kita firfir) è un piatto semplice della cucina etiope a base di farina, sale, acqua, berbere e niter kibbeh, o altre spezie, e può essere mangiato per colazione

Wat

La preparazione del Wat (o Wot), lo stufato etiope, inizia con una grande quantità di cipolla rossa, che viene fatta stufare a fuoco lento o saltata in una padella. Una volta che le cipolle si saranno ammorbidite, si aggiunge il niter kebbeh (o, nel caso di piatti vegani, olio vegetale).

Successivamente, viene aggiunta la miscela berbere per creare stufati piccanti. La curcuma viene utilizzata al posto del berbere per ottenere un sapore più mite. Entrambe le spezie vengono omesse quando si preparano alcuni stufati di verdure.

Esistono diversi tipi di wat ogni variazione è denominata aggiungendo l’ingrediente principale al tipo di wat ad esempio: 

  • doro wat (stufato di pollo)
  • atkilt wat (stufato di verdure)
  • sega o siga wat (stufato di carne)

  • asa wat (stufato di pesce)

  • yebeg wat (stufato d’agnello)

  • misir wat (stufato di lenticchie)
  • kik o kiki (stufato di piselli gialli spezzati) 

Tibs

Tibs (in Ge’ez: ጥብስ ṭïbs )è un piatto della cucina etiope a base di carne e verdure saltate. Viene servito in molti modi, caldo o tiepido, con poca o nessuna verdura. Esistono molte varianti del piatto, a seconda del tipo, dimensione o forma dei tagli di carne utilizzati. Manzo, montone e capra sono le carni più comuni per la preparazione del tibs. Oggi il piatto viene preparato per commemorare eventi speciali e festività. 

Kitfo

Il kitfo è un piatto tradizionale etiope. È fatto con carne macinata di manzo cruda marinata con mitmita (miscela di spezie molto piccante simile al berbere) e niter kibbeh. Spesso è servito con verdure (gomen), formaggio (ayib) e pane kocho.

Il piatto Gored è molto simile al kitfo, ma utilizza carne di manzo tagliata a cubetti anziché macinata.

Ayib

Ayib è una ricotta friabile che solitamente viene servita come contorno per ammorbidire l’effetto di cibi molto piccanti. Ha poco o nessun sapore in particolare. Tuttavia, se servita come portata principale, l’ayib viene spesso mescolato con una varietà di spezie dolci o piccanti tipiche della cucina del popolo Gurage.

Gomen kitfo

Gomen kitfo è un altro piatto tipico del popolo Gurage. I cavoli verdi (gōmen) vengono bolliti, essiccati e poi tritati finemente e serviti con burro, peperoncino e spezie. Si tratta di un piatto preparato appositamente per l’occasione del Meskel, una festa molto popolare che segna la scoperta della Vera Croce. Viene servito insieme all’ayib e anche al kitfo.

Bevande tipiche

In Etiopia ci sono diverse bevande alcoliche tradizionali fatte in casa e con ingredienti naturali. La bevanda analcolica nazionale è il caffè, esso rappresenta una grande parte della cultura e della cucina etiope.

Tella

Tella (o farso) è una birra fatta in casa servita in tella bet (“case di tella”) utilizzate solo per servire tella. La tella è la bevanda più comune prodotta e servita nelle famiglie durante le vacanze.

La birra Tella è preparata con bikil (orzo) come ingrediente principale e gesho (Rhamnus prinoides) a scopo di fermentazione. In Tigrinya la bevanda è chiamata siwa .

Tej

Tej è un vino al miele.  È simile all’idromele ed è spesso servito nei bar. È preparato con miele e gesho. Ha un sapore dolce e la gradazione alcolica è relativamente superiore alla tella. Questa bevanda può essere conservata a lungo; più a lungo viene conservato, maggiore è la gradazione alcolica e più forte è il gusto.

Caffè

Secondo numerose fonti, è probabile che il consumo di caffè abbia avuto origine in Etiopia. È la bevanda nazionale e una parte importante del commercio locale. 

La cerimonia del caffè è il servizio tradizionale del caffè, di solito dopo un pasto abbondante. In genere prevede l’uso di una jebena, una caffettiera di terracotta in cui viene fatto bollire il caffè. L’addetto al servizio tosta i chicchi di caffè davanti agli ospiti, cammina diffondendo il fumo per tutta la stanza in modo che i partecipanti possano assaporare il profumo del caffè. Dopodiché macina i chicchi di caffè in uno strumento tradizionale chiamato mokecha. Il caffè viene messo nella jebena, bollito con acqua, e poi servito in tazzine dette si’ni.

Il caffè viene solitamente servito con zucchero, ma in molte parti dell’Etiopia viene servito anche con sale. In alcune parti del paese, al posto dello zucchero o del sale viene aggiunto il niter kibbeh (burro chiarificato speziato).

Conclusioni

Grazie per aver letto l’articolo, condividilo se ti è stato utile! Se hai dei consigli o suggerimenti lascia un commento qui sotto.

Cucina etiope

AfroXentric è un blog per persone pratiche, iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere altre informazioni utili o semplici curiosità sul continente africano.

Questo blog aderisce al programma di affiliazione Amazon. Qualora dovessi acquistare alcuni prodotti tramite i link promozionali presenti su questo sito, AfroXentric riceverà delle commissioni.

Vedi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.